XscreenSaver su OpenSUSE

Presentazione

 

XscreenSaver è un programma di screensaver di Jamie Zawinski del 1992 e tuttora sviluppato in licenza X11 - BSD-3-Clause and GPL-2.0 ​​ (OpenSource e Free).

 

https://www.jwz.org/xscreensaver/

 

Tiene una collezione di 229 tipi diversi, denominati Hack, sia 2D che 3D e la lista si allunga ogni giorno di più.

 

 

Funziona su ogni tipo di Linux/UNIX persino OSX e Android/IOS. Non funziona per Windows in quanto non possiede un motore grafico (è Internet Explorer) potente e il creatore è giustamente inca con Windows.

 

Possiede un ottimo panello di controllo, che viene descritto qui (in Inglese):

https://www.jwz.org/xscreensaver/man2.html

In tab "Avanzate" addirittura un gestore dell'alimentazione.

 

Un nutrito set di comandi da linea di comando:

https://www.jwz.org/xscreensaver/man3.html

Del resto questo Post è per fare una carrellata e non è un manuale d'uso.

 

Il suo concorrente è Xlock che è più leggero ma è molto meno potente.

 

 

Installazione

 

Lo troviamo direttamente nei repo ufficiali e quindi basta usare Yast->Gestione Pacchetti.

Per avere l’ultimissima versione (01/09/2018 è la ver.) potete scaricarla qui

https://software.opensuse.org/search?utf8=%E2%9C%93&q=screensaver

 

Qui conviene installare :

xscreensaver

xscreensaver-lang

xscreensaver-data

xscreensaver-data-extra

 

Per gli Hack:

libegnomeui

 

 

Volendo, seguendo le linee guida, si possono creare altri screensaver, come lo vediamo dopo.

 

Uso

Lui lavora come server e solo dopo avviato come server potete avviare il salvaschermo, quindi provvedete nel lanciarlo (solo "xscreensaver") come servizio ma come utente (specie il vostro e non root) cosa ottenibile con SystemD modo utente.

Come SystemD, vedete qui:

 

http://trucchisuse.altervista.org/blog/systemd-in-generale/

 

O altro sistema come:

/usr/bin/xscreensaver -no-splash &

Inserendolo nell’avvio di KDE, Gnome o IceWM...

 

Dopo vi basta dare il comando

xscreensaver-command -lock

per attivare lo screensaver

 

Nota: Nelle versioni precedenti di Xscreensaver non esisteva “xscreensaver-command” e quindi si usava semplicemente “xscreensaver” seguito da parametri. Adesso “xscreensaver” è solo per fare il servizio (quindi è più leggero) mentre “xscreensaver-command” per passagli parametri e comandi come “-lock” per attivare il salvaschermo.

 

Oppure con uno script shell (consiglio chiamarlo xscreen e metterlo in /usr/bin per farlo dovete essere Root, quindi date i permessi per tutti anche di esecuzione):

 

#!/bin/bash

#

/usr/bin/xscreensaver -no-splash &

sleep 1

xscreensaver-command -lock

 

Se il servizio è avviato va avanti altrimenti l’avvia e dopo mette il blocco salvaschermo.

 

Volendo si può mettere in

/usr/share/applications/

 

i seguenti .desktop, creare il file xscrensaver.desktop

 

[Desktop Entry]

Categories=Utility;

Type=Application

Encoding=UTF-8

Name=xscreensaver

GenericName=xscreensaver

Exec=xscreen

Icon=/usr/share/xscreensaver/glade/screensaver-locking.png

Terminal=false

X-KDE-StartupNotify=true

 

e modificare questo xscreensaver-demo.desktop

 

[Desktop Entry]

GenericName=Screensaver properties

Exec=xscreensaver-demo

Icon=xscreensaver

Terminal=false

Name=Screensaver

Comment=Change screensaver properties

Comment[it]=Settaggio di Xscreennsaver

Type=Application

Categories=Settings;DesktopSettings;Security;X-XFCE;

 

Se volete mettere una combinazioni di tasti consiglio di usate CTRL+ALT+T oppure/ anche CTRL+ALT+L per attivare il salvaschermo.

 

Quindi, riepilogando, abbiamo più programmi, specializzati:

 

  • xscreensaver che è la piattaforma “servizio” dove far girare gli hack (effetti speciali).

  • xscreensaver-demo che è il sistema di configurazione.

  • xscreensaver-command che è il sistema per impartire comandi e far partire lo screensaver.

  • xscreensaver-getimage-file che è importa le immagini o video per gli hack in cui serve una immagine o video.

 

-Impostazioni

 

Mentre per aprire le impostazioni:

xscreensaver-demo

Oltre (in alto) gestire un singolo salvaschermo, uno sempre diverso, nessuno o schermo bianco.

 

Qui (in mezzo) potete vedere l’anteprima e configurare il singolo salvaschermo.

 

Anche (in basso) gestire l'annerimento dello schermo sottostante (consigliato), gestirlo random e anche bloccarlo con password che automaticamente usa la vostra.

 

se volete modificarle da voi le impostazioni (vi consiglio di fare prima una copia di sicurezza):

 

/usr/share/X11/app-defaults/XScreenSaver

 

in luogo utente è qui:

home/nomeutente/.xscreensaver

 

Logicamente Xscreensaver parte in modalità utente (non Root) quindi va vedere prima se esiste il file .xscreensaver (notate che i nomi con il “.” all’inizio del nome file, appaiono invisibili) nella cartella centrale dell’utente stesso, se non lo trova usa quello in “/usr/share/X11/app-defaults/XscreenSaver” .

 

Creare Hack per XscreenSaver

 

Si possono creare diversi hack, ovvero effetti speciali con tantissime tecniche anche semplicissime.

La directory dove metterli è

/usr/lib64/xscreensaver/

 

Basta che siano eseguibili da X e che siano fullscreen, in modo autonomo, del resto XscreenSaver è solo un gestore di essi.

 

Ma è anche possibile far screensaver con dei script!

 ​​​​ 

Trucchi & impostazioni

 

 

 

 

 

-Video clip

Si possono far girare dei video semplicemente:

 

.xscreensaver file: "My-Movie" in "/usr/lib64/xscreensaver/" (occorre essere Root)

​​ mpv --really-quiet --no-audio --fs --loop=inf ​​ \

 ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​​​ --no-stop-screensaver  ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​​​ \

 ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​​​ --wid=$XSCREENSAVER_WINDOW  ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​​​ \

 ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​​​ $HOME/movies/poop.mp4  ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​ ​​​​ \n\

 

In questo caso usiamo il player mpv (da installare) solo perchè è leggerissimo e pieno supporto ad X.

Nell'esempio la cartella dove è il filmato

​​ $HOME/movies/poop.mp4

 

Notate che la variabile $HOME è una variabile di shell che si trasforma nel percorso proprio della home. XscreenSaver è sempre eseguibile su livello utente ma mai Root.

 

-SWF Flash

 

Come salvaschermo un bel Flash? Stessa tecnica di prima solo che si scrive:

gflashplayer -root $HOME/movies/my_flash.swf ​​ \n\

Valgono anche le stesse considerazioni di prima...

In questo caso potete usare gflashplayer ma anche flashplayer

 

-Sfondo Animato

 

Può servire anche come sfondo animato, vedere qui:

 

http://trucchisuse.altervista.org/blog/installare-sfondo-animato-su-opensuse/

-Carrellata immagini

 

Si può richiamare anche immagini da rete o da una cartella.

con Xscreensaver-demo

 

Ceccare "usa un immagine random" e poi sotto selezionare il Percorso che deve fare.

Può essere una cartella sul tuo PC, una cartella remota, un RSS di foto o un feed URL. ​​ 

Nota: Esiste anche l’opzione di usare un frame di un video

 

Scegliere (se vuoi provarla) un Hack che sfrutta le foto.

 

-Gestione monitor

In impostazioni avanzate esiste il riquadro per spegnere il monitor, metterlo in stand-by, sospenderlo e spegnerlo.

-Testo volante e altro

I primissimi screensaver era un testo che volava, in impostazioni avanzate potete mettere quello standard (host name e ora) , un vostro testo o file di testo, che esegua un programma o una pagina in rete (di base https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Special:NewPages&feed=rss ).

 

-TDE (Trinity, ex-KDE3)

 

Se poi avete lo screensaver di TDE potete sfruttarli in XscreenSaver con kdeartwork3-xscreensaver

 

Conclusioni

 

Un ottimo programma da usare come screensaver con bellissimi screensaver che permette anche impostazioni molto avanzate.

Se create un bel screensaver mandateglielo che lo inserirà nella raccolta! ​​ 

 

 

Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooo

 

 

Precedente Firewall Firewalld in OpenSUSE Successivo Comandi Linux da amministratore