Scanner Brother non funziona

Questa soluzione arriva da un neofita, è la prova che se uno si impegna il Linux diventa facile.

*****

Mi manca lo scanner della mia Brother mfc1810 che non funziona, devo fare questo (come root, pare che funzioni anche con altri modelli Brother)

1. Open "/etc/udev/rules.d/55-libsane.rules"

2. Add the following 2 lines at the last of the device entry. 
   (just before "# The following rule...")
# Brother
ATTR{idVendor}=="04f9", MODE="0664", GROUP="lp", ENV{libsane_matched}="yes"

3. Restart the OS.

*****

Per chi non capisce l’inglese, lo traduco:

1. Apri il file (essendo in modalità Root ovvero Amministratore) in

/etc/udev/rules.d/55-libsane.rules

2. Aggiungi queste due linee (come device, su OpenSuse questo è già scritto, basta togliere il simbolo “#” prima di ATTR)

#Brother 
ATTR{idVendor}=="04f9", MODE="0664", GROUP="lp", ENV{libsane_matched}="yes"

3. Riavvia il computer e prova lo scanner.

*****

Note mie

Devo dire che i Brother, sia stampanti che scanner, costano poco, vengono spacciati per prodotti professionali (ma non hanno i numeri) e spesso fanno incavolare chi usa Linux.

Oddio mi dicono, installatori, che anche in Windows son bestemmie questi Brother.

Dunque attenzione quando comperate un Brother e anche di controllare la compatibilità Linux che poi è la stessa della compatibilità Apple dato che Linux usa strumenti identici per gestire le stampanti / scanner, e persino gli stessi driver, solo che il sistema d’installazione Apple non è compatibile con quello Linux, dunque e spesso, bisogna aspettare qualche anima pia che converte da Apple al Linux.

Oramai però il 99% delle moderne stampati e scanner sono coperte da driver su Linux.

 

Come diventare root?

Per diventare root, basta che nel terminale aggiungi sudo prima del comando (attenzione: temporaneamente diventi root, i comandi seguenti no) oppure digiti il comando su che dopo aver messo la password di fa diventare stabilmente root (tanto che cambia anche la forma/colore della riga di comando) e esci da questa situazione con il comando exit, oppure si accede direttamente dal Login (esempio al cambio sessione) con utente root e la password.

Esempi: Avvia il programma Gedit come root (superutente o amministratore).

sudo gedit

Modo con il comando su (in questo caso non trova l’editor Gedit) :

Screenshot_20160211_115015Nota: il gattino non centra una beata M.

Se non si riesce ad modificare un file di sistema è perchè solo un root (amministratore della macchina) può farlo, il motivo è che può essere pericoloso che chiunque modifichi quei file. Questo è uno dei mille motivi perchè Linux è immune dai virus e hacker, una scocciatura in più ma è una sicurezza in più.

 

Ciaoooooooooooooooooooooo

Precedente Far partire automaticamente una applicazione in Suse Successivo DLNA con Suse