QRcode

Qrcode?

Nati nel 1994 in Giappone, trovano un utilizzo sempre maggiore nel web e sui social. Per generarli e leggerli basta uno smartphone.

I QR Code (acronimo di Quick Response code, “Codice a risposta rapida” in italiano) sono dei piccoli simboli bidimensionali in forma di quadrato. Possono essere considerati come dei supporti per l’archiviazione di piccole quantità di dati o informazioni. Inventati come alternativa e miglioramento dei codici a barre in giappone, inizialmente sono utilizzati per tracciare materiali e prodotti all’interno di magazzini e aziende: la loro sequenza di quadrati bianchi e neri doveva permettere di identificare velocemente, grazie a un apposito lettore, cosa si trovasse all’interno dell’imballaggio, a cosa servisse e a quale reparto fosse destinato.

In quel piccolo quadratino sono compresse moltissime informazioni. I QR-code possono, infatti, immagazzinare fino a 7.089 caratteri numerici, 4.296 caratteri alfanumerici, 2.953 byte (numeri irraggiungibili per qualsiasi codice a barre) e dato che è giapponese ben 1.817 ideogrammi giapponesi (Kanji) ,mentre i quattro quadratini presenti agli angoli del codice servono a stabilirne l’orientamento e l’angolazione (e vengono utilizzati dai lettori per capire se il codice è dritto o meno), i pixel neri e bianchi che si alternano all’interno dell’area del quadrato convogliano fisicamente tutte le informazioni.

 

Storia QRCode

 

Inizio Anni ’90 del XX secolo. Denso Wave, azienda giapponese che fornisce alla i Toyota pezzi per le sue automobili, è alla ricerca di una modalità di tracciamento alternativa ai codici a barre, capace di garantire velocità di lettura/scansione e che, allo stesso tempo, potesse essere utilizzata su una grande quantità di oggetti o prodotti. Dopo mesi di studio e prove, i tecnici della società nipponica sembrano aver trovato la soluzione al loro dilemma: dei piccoli quadratini bicromatici (standard bianco e nero, ma teoricamente si può utilizzare altre colorazioni) con al loro interno una serie di altri quadratini disposti apparentemente in maniera casuale e caotica. È il 1994 e, per la prima volta, i QR code sono utilizzati all’interno di un impianto produttivo della Denso Wave. Da allora, nonostante delle piccole modifiche e degli “aggiustamenti” dettati dal tempo, i codici QR sono rimasti di fatto immutati.

Con il passare degli anni, le funzioni cui i QR code sono destinati sono cambiate profondamente. Pur essendo ancora oggi utilizzati all’interno dei magazzini e aziende (come “previsto” originariamente), sono sempre di più le società che utilizzano i codici QR come mezzo di comunicazione o informativo. Facebook, Twitter e Snapchat, tanto per fare tre esempi, creano dei QR code univoci che permettono agli utenti di scambiare l’amicizia o aggiungere contatti senza conoscere il nome della persona e senza perdere troppo tempo in ricerche varie.

Qui per sapere come usarli nel marketing:

https://www.giovannifracasso.it/qrcode-utilizzare-come-usare-marketing/

Come si usa?

 

Di solito si introduce (nella codifica) o testo (di qualsiasi tipo ma UTF8) oppure un rimando ad una pagina web come ad esempio “http://trucchisuse.altervista.org/blog/” , in questo caso la App che lo legge avvia il browser e gli pone il sito oppure la email nella forma “mailto:[email protected]”.

Volendo si possono usare altri protocolli, sempre inerenti al HTM, ma spesso non funzionano con tutti.

Esempi.

Chiamata telefonica: “tel:+390123456789”

Chiamata skipe: “callto:+390123456789″

Link ftp : “ftp://trucchisuse.altervista.org/blog/nota.txt“

Link immagine “http://trucchisuse.altervista.org/blog/pippo.jpg”.

Streaming radio (pericoloso standard MS e quindi abbandonato) “mms://cattivaradio.tv/”

Streaming rtsp di radio e musica: “rtsp://live.media.rai.it/broadcast/radiouno.rm”

Comunque segue lo standard:

protocollo://[username[:password]@]host[:porta]</percorso>[?querystring][#fragment]

Attenzione i barcode possono avere diversi formati:

  • EAN-13,
  • ISBN-13,
  • ISBN-13 from ISBN-10,
  • UPC-A,
  • JAN, EAN-8,
  • UPC-E,
  • Standard 2 of 5 (Code 25),
  • Interleaved 2 of 5 (ITF 25),
  • and Code 128.
  • ecc…

Attenzione qui parliamo SOLO del QR code

Nel 1999 Denso Wave, pur conservando i diritti di brevetto, ha permesso l’uso del codice QR con licenza libera, definito e pubblicato come standard ISO.

  • Nell’ottobre 1997 è stato reso disponibile lo standard AIM, rinnovato nel 1999.
  • Nel gennaio 1999 è stato reso disponibile lo standard JIS (X 0510).
  • Nel giugno 2000 è stato approvato lo Standard Internazionale ISO (ISO/IEC 18004).
  • Nel novembre 2004 Micro QR Code è stato approvato come JIS (X 0510:2004)
  • Il primo settembre 2006 è stato approvato un nuovo standard ISO (ISO/IEC 18004:2006).

 

Come farli?

Potete farlo molto semplicemente utilizzando un comando qrencode, che non è originariamente presente in OpenSUSE ma nel suo repo principale ovvero repo-oss. Chi volesse chiamarlo da Terminale (come utente):

sudo zypper in qrencode

Nella sua modalità di base basta dare il comando

qrencode -o file.png 'testo o link'

– Altri

Esiste pure un qrcode extension per Libreoffice ( funziona con Openoffice?) che uso:

https://extensions.libreoffice.org/extensions/goqr-me-integration

Dal web esistono diversi siti eccone uno tra i tanti:

https://barcode.tec-it.com/it/QRCode

 

Leggerli da PC

 

Mentre esistono milioni di App per smartphone come leggerli da PC?

WebQR è un pratico servizio online che permette di leggere QR code direttamente dal computer senza installare programmi e senza utilizzare plugin particolari. Tutto quello che serve per farlo funzionare sono un browser Web moderno e una webcam.

Spiegare come funziona è quasi superfluo. Dopo esserti collegato alla sua pagina principale, autorizza l’accensione della webcam pigiando sul pulsante Consenti, dopodiché piazza il QR code davanti alla webcam e il contenuto del codice verrà visualizzato automaticamente nel riquadro che si trova in basso (dove all’inizio c’è scritto scanning).

Mi segnalano anche questo progetto:

https://sites.google.com/site/qrcodeforwn/

Mi segnalano anche questo progetto:

https://app.box.com/s/7vkj2vf1pderv29zywgs

scaricabile da qui

http://www.l2adv.com/_32BitProgs/QRGen.zip

 

Ciaooooooooooooooooooooooooooo

Precedente ifconfig e ip Successivo Mouse da terminale in Linux OpenSUSE