Partizionare e Formattare in OpenSUSE

 

Qualche volta nasce l’esigenza di Partizionare e \ o Formattare qualche disco, USB, SD, ecc.. Come è in SUSE e genericamente in Linux?

 

Indice generale - Fortune

Prologo

Programmi

-Riga comando

-GUI

Yast come esempio

-Partizionare

-Formattazione

Concludendo

Ciaooooooooooooooooooooooooooooooo

 

 

Prologo

 

Questa non è una guida passo-passo ma solo per dare informazioni importati del come fare le partizioni /formattazioni in SUSE. Non è una guida su come fare

 

Spesso leggo che si fa confusione tra Partizionare e Formattare:

 

  • Partizione: Divisione di una unità di memoria di massa (hard-disk,ssd, sd, usb-disk, ecc..) in più parti. Inoltre inserimento di punti di montaggio e il come.

  • Formattazione: Preparazione alla scrittura di dati (dati puri, programmi, immagini, database, ecc.) di uno spazio una unità di memoria di massa (hd, sd, usb-disk, ecc..) e sui indici.

 

Una formattazione può essere senza partizionazione ma nel caso prenderà tutta la memoria di massa, inoltre il Sistema Operativo non saprà come operare all’accesso con lui salvo operare in forma standard (solo all’accesso).

 

Quindi conviene sempre partizionare e poi formattare, salvo che sia una unità di memoria di massa per un uso standard come le SD dei smartphone o ​​ delle chiavette USB.

 

La Partizione ora è standardizzata in GPT ma una volta esistevano centinaia di formati e la più diffusa era MBR. Sarebbe da convertire tutto in GPT: trucchisuse.altervista.org/blog/mbr-o-gtp/

 

 

La formattazione invece è in una miriade di formati detti FS (File System), ognuna per le varie esigenze ma anche (vedi NTFS) solo perché imposta da una azione commerciale, i più usati sono Btrfs, ext3, ext4, JFS, ReiserFS, XFS, NTFS, HFS, EXFAT, FAT32, ecc. ecc.

 

La lista completa e caratteristiche qui (in Inglese): https://en.wikipedia.org/wiki/Comparison_of_file_systems

 

Nel caso che mancasse un sistema di accesso ad un FS, esiste il progetto FUSE con diversi moduli dedicati. Esempio per avere completo accesso al formato DVD/CD detto ISO9660 il modulo è FuseISO. FUSE-exFAT è per ExFAT (exFAT è lo standard FS di Microsoft anche per le SDXC memory cards). FuseSMB serve per accedere via Samba su contenitori di file remoti. ​​ IFuse è per i device Apple. Ecc..

 

Dato che siete su Linux e che molti FS fanno schifo o sono inutili per voi, vi consiglio di concentravi solo su : ​​ Btrfs, ext3, ext4, JFS, ReiserFS, al massimo Fat32 (ex-IBM adottato dai primi Windows come WinFS) per interscambio con Windows. In somma di massima e secondo me, il migliore come opzioni risulta BTRFS, per velocità d’accesso dati JFS e XFS (XFS è meglio), portabilità con altri Linux (e Windows) e “robustezza” Ext4 e per i “piccoli” Ext3.

 

ATTENZIONE: NTFS è malamente supportato in Linux (causa la sua natura Close) inoltre fa schifo come FS tanto che la Microsoft in ambito lavorativo oramai usa ReFS che poi NTFS esiste in ben 6 versioni differenti e quasi incompatibili tra loro, quindi, in definitiva, vi consiglio di lasciarlo stare. Se volete un formato compatibile con Linux e Win esiste Ext3 / Ext4 o FAT32 e prossimamente BTRFS.

 

ATTENZIONE: Sia Partizionare che Formattare sono operazioni distruttive, quindi vedete bene su dove operare!

 

Programmi

-Riga comando

Oltre molti programmi dedicati esiste la possibilità anche da terminale con questi comandi; Attenzione qualcuno deve essere istallato, non esiste di base e di solito è nel pacchetto util-linux o e2fsprogs :

Partizione?

Nome

Descrizione

 

fdformat

Formattazione a basso livello dei dischetti.

x

badblocks

Controllo dell'integrità di un disco o di una partizione.

x

fdisk

Creazione e modifica delle partizioni.

x

cfdisk

Creazione e modifica delle partizioni (programma più amichevole).

 

mke2fs | mkfs.ext2

Creazione di un filesystem Second extended.

 

mkdosfs | mkfs.msdos

Creazione di un filesystem Dos-FAT.

 

mkfs

Front-end per l'utilizzo dei programmi di creazione dei filesystem.

 

e2fsck | fsck.ext2

Controllo di un filesystem Second extended.

 

dosfsck

Controllo di un filesystem Dos-FAT.

 

fsck

Front-end per l'utilizzo dei programmi di controllo dei filesystem.

x

mount

Collegamento di un filesystem in quello globale.

x

umount

Distacco di un filesystem da quello globale.

 

/etc/fstab

Elenco di filesystem e mount point predefiniti.

 

/etc/mtab

Elenco dei mount attivi.

 

df

Utilizzo del disco.

 

quotacheck

Scansione del filesystem di una partizione per fare il conteggio dell'utilizzo.

 

quotaon

Attivazione del controllo delle quote. Le quote sono le limitazioni di disco che un utente può usare.

 

quotaoff

Disattivazione del controllo delle quote.

 

edquota

Modifica delle quote assegnate.

 

repquota

Informazioni sulle quote assegnate e sulla situazione effettiva.

 

quota

Verifica della quota personale.

 

update (bdflush)

Daemon per lo scarico periodico della memoria cache dei dischi.

 

sync

Scarico manuale della memoria cache dei dischi. Comando consigliato di date prima di smontare un disco.

 

mkisofs

Creazione di un filesystem ISO-9660.

 

cdrecord

Masterizzazione di CD-R.

Noterete che nell'elenco ci sono anche comandi di formattazione e quelli propri usati in partiziona solo solo quelli con la X al fianco.

Maggiori dettagli qui: https://www.fis.uniroma3.it/CALCOLO_DOC/unix/appuntilinux/al48.htm

-GUI

Per partizionare esistono tantissimi programmi con interfaccia grafica (GUI), dato che siamo in OpenSUSE illustrerò Yast->Partizionatore, ma quello specializzato in questo è ​​ Gparted.

Molto potenti e semplici, soprattutto per un uso utente, ci sono ​​ GNOME Disk (etichetta del menu:"Dischi")

 

 

 

 

 

 

 

e KDE Partition Manager (etichetta del menu:"Gestore delle Partizioni di KDE");

 

 

 

 

 

 

 

Quest'ultimo molto simile ad Gparted ma meno potente e quindi più facile da usare, mentre Gnome-Disk (lo preferisco anche su KDE) si rivela molto più dettagliato e capace ma anche complicato da usare.

 

Yast come esempio

-Partizionare

 

ATTENZIONE: Partizionare spesso è un operazione distruttiva, quindi vedete bene su dove e come operare!

 

Partizionare in OpenSUSE è facile: In Yast esiste l’utilità “Partizionatore” che illustra tutti ​​ i dischi da usare e le loro caratteristiche.

 

Inquadrato un disco, potete modificarlo, crearlo, eliminarlo, ecc.. Consiglio però di avere le idee ben chiare di cosa volete fare sul disco prima ancora di avviare il Partizionatore di Yast.

 

 

Del resto lo dice subito anche lui:

 

Risposto Si, si può vedere i dischi

L’interfaccia è molto semplice e si capisce subito, quindi non mi dilungo in spiegazioni.

Tenete conto che ogni disco è visto in UNIX/Linux come un “file” sotto la cartella /dev/ In questo caso l'inizio NVME0n è un HD solido ad opzione crittografazione, se gestito come disco classico la particella è "SD" (esempio SDA, SDB, ecc.) , dischetti è "fd", ecc.. Un altra questione è che potete operare solo su dischi smontati ovvero che in quel momento non sono operativi o in uso.

Nota: Se usate UEFI in opzione "Secure" dovete avere una partizione iniziale da 360MiB in formattazione tipo FAT etichetta "SYSTEM" come "/boot/efi", dove verrà "registrato" i permessi del disco.

Differenza Partizioni Logiche e fisiche: La Partizione può contenere anche altre Partizioni, in questo caso viene detta Logica altrimenti è Fisica.

ATTENZIONE: Linux può funzionare senza Swap, ma non date retta agli ignorantoni, se partizionate un disco principale Linux mettetelo sempre (in dimensione superiore della memoria complessiva RAM) in quanto serve al Linux per circa un centinaio di cose, principalmente riordino memoria, memoria satura, buffer di sistema, scarico memoria, ​​ ibernazione/sospensione PC, ecc. ecc. ecc. Qui una guida: trucchisuse.altervista.org/blog/swap-ovvero-laerea-di-scambio-memoria/

-Formattazione

Usiamo Yast -> Partizionatore:

Nota: Dall'immagine vedete che OpenSUSE 15 usa tre partizioni base, root (punto di montaggio "/") in BTRFS, mentre è XFS quella di Home (punto di montaggio "/home") e al Swap.

In Yast Partizionatore se si crea/modifica una partizione e prima di procedere ti chiede conferma.