Installare più Linux

Introduzione:
Molti utenti Suse vengono da esperienza Ubunto alla ricerca di una distribuzione più semplice: OpenSuse Desktop è pensata per un uso ufficio di segretarie, call-center, introduzione dati, ecc..

Possiede però all’interno la potenza OpenSuse di Novell come Server e quindi è anche potente oltre che semplice, tanto che è leader dei mini-server o entry-server, ma lo troviamo anche nel gestire soluzioni Real-Time e Very-Large-Data-Entry/Work per multinazionali.

Mentre è molto diffusa in Germania e Inghilterra, non è tanto diffusa in Italia per una errata politica commerciale della allora Novell – Italia, ma questo basa il Suse di un buon supporto italiano. Certo, esistono soluzioni Linux altrettanto valide e per il desktop mi permettso di consigliare PCLinux o Mageia ma mai distribuzioni che derivano dalla complicata Debian!

Dunque molti installano più Linux! Potrebbero vederli su VirtualBox e simili, ma gusti sono gusti e non sanno che Linux è anche un OS che ben si adatta alla virtualizzazione. Per il riconoscimento Hardware (che comprende anche la configurazione), non c’è di meglio dei pacchetti proprietari delle stesse case costruttrici hardware, ma Debian non li usa, mentre Red-Hat li sviluppa (ecco perché Fedora e simili sono i migliori nel riconoscimento) e altri come Suse li adattano e riusano. Il resto, ovvero i driver (che divengono corpo con il kernel) oramai sono identici per tutti sia i Close che gli Open. Dunque se un driver fa cilecca, fa schifo su qualunque Linux, salvo che sia male o ben riconosciuto / configurato! Per questo su macchine Sun/Oracle il Linux-Oracle va da dio mentre su altre macchine appare spompato…

 

Ma come mettere Suse da provare in installazione senza cancellare altro?

 

AZIONE

 

Ciao a tutti…
Ho deciso di installare OpenSUSE come seconda distro sul mio pc, accanto al Linux-XXX.
Questo è il mio schema delle partizioni su SDA:

/dev/sda1 –> Linux (root)
/dev/sda2 –> Linux (home)
/dev/sda3 –> swap
/dev/sda4 –> Partizione estesa
/dev/sda5 –> dati vari (part. logica)
/dev/sda6 –> part. logica vuota per OpenSUSE

Quindi voglio installare OpenSUSE su /dev/sda6; inizio l’installazione ma al momento di scegliere dove mettere il GRUB2 “non so che pesci pigliare”, non volendo andare a sovrascrivere il GRUB2 che ho già su /dev/sda nell’MBR.

Nell’installer non c’è un’opzione per mettere il GRUB2 in /dev/sda6 (come ho sempre fatto in altri casi con distro basate su Debian), ma solo di non metterlo (ma in questo caso il GRUB2 già esistente non mi vede openSUSE) oppure di metterlo all’inizio della partizione estesa… ma non so cosa voglia dire!
Cosa mi consigliate di fare?

 

– Risposta (copiata dal grande Grinch)

 

Installi Grub2 lasciando la spunta su “Boot from Root Partition” e vai con l’ installazioneopensuse_vm_install40 opensuse_vm_install42

Poi si avvierà il vecchio Linux e da terminale fai

sudo update-grub

Avrai Opensuse nel Grub messo dal vecchio Linux con tutte le voci

 

ciaooooooooooooooooooo

Precedente Installare Tomcat in multicast con altro web-server Successivo Fare menu e sottomenu kde