Font OpenSUSE migliori

Tratto da un articolo di dedoimedo

Tra i tanti piccoli problemi di Linux, i font regnano sovrani. Per il momento, se intendi utilizzare openSUSE, questa piccola guida dovrebbe aiutarti nell’ottenere un rendering migliore, più fluido e di alta qualità dei caratteri, consentendo di godere al meglio il desktop Plasma, questo su OpenSuse 42.x che è peggio di Kubunto 17.x che altre come il Fedora 26.

Quando si prendono in considerazione tutti i tipo-carattere e dimensioni predefinite, impostazioni anti-alias e la differenza marcata tra le modifiche manuali e le impostazioni predefinite del sistema, l’enorme varianza tra le applicazioni nel modo in cui vengono visualizzate sullo schermo, a seconda della selezione del carattere, delle impostazioni di anti-aliasing e di suggerimento, DPI e persino del backend della scheda grafica. Quindi, anche il rendering sub-pixel e il filtro LCD.

Anti-alias e font proprietari

I font Noto Sans non è ottimale per openSUSE – sebbene funzioni bene su altri desktop Plasma. Anche Droids Sans, Roboto Slab e Fira Sans dal prossimo System76, la situazione non migliora.

Testati Liberation Sans, Noto Sans, Roboto Slab e Fira Sans; nessuno di questi offre risultati adeguati sul desktop plasma openSUSE predefinito, con Noto “predefinito” offre l’esperienza più arrotondata anche se incompleta. Impostazioni anti-alias manuale (RGB, lieve accenno) e quasi utilizzabile.

Impostazioni dei caratteri

Per risolvere questi problemi in modo pacifico, vai su a impostazioni-KDE -> Fonts (caratteri) e Yast2→caratteri e qui settare l’anti-aliasing, l’auto-hinting completo (“stile intero” o “hintfull”), il rendering del sub-pixel RGB e se presente, il filtro di default LCD (“lcdlegacy”).

Il rendering dei sub-pixel sembra semplice, ma c’è dietro un intero mondo di brevetti, copyright e licenze e quando si imposta il filtro di default LCD (“lcdlegacy”), openSUSE si lamenta che il rendering sub-pixel richiede librerie proprietarie che non sono abilitate di default a causa di vari motivi di licenza.

Dove si possono reperire queste librerie?

 

Nuove librerie

 

Il team di GeckoLinux fornisce i pacchetti libtypefree6 necessari come parte del proprio set di sistema, ed è possibile configurare un repository separato e installare le librerie utilizzando un programma dinstallazione con un solo clic (collegamento diretto).

Da fare è configurare un nuovo repository, installare le due librerie rilevanti e modificare le impostazioni in ciò che ho descritto in precedenza. Disconnettersi e quindi riconnettersi per vedere l’effetto.

Qui se volete farlo da terminale:

zypper addrepo http://download.opensuse.org/repositories/home:/namtrac:/subpixel/openSUSE_Factory 
zypper in libfreetype6 libfreetype6-32bit 

Questo sembra molto più bello. Puoi effettivamente leggere il testo senza sentire che i tuoi occhi si stanno sciogliendo.

Noterete un notevole miglioramento!!!!

Confronto affiancato: sinistra, impostazioni anti-alias manuale (RGB, lieve accenno); Librerie freetype corrette e patinate, con la stessa configurazione. Dai un’occhiata alla recensione di OpenSUSE Leap 42.3 per vedere come appare con i valori predefiniti del sistema anti-aliasing e quelli non protetti.

Risultato finale:

Conclusione

dedoimedo scrive e io lo capisco:

“Finché non avremo standard, alcuni piuttosto rigidi, continueremo a soffrire di caratteri errati, cattivo contrasto, cattiva ergonomia e in generale di impostazioni che non sono progettate per un uso prolungato. È un peccato, perché gli umani usano effettivamente i computer moderni per interfacciarsi con le informazioni, per LEGGERE il testo e interpretare la conoscenza usando il potere del linguaggio. È l’elemento più critico di tutta la faccenda. ”

Io da parte mia spero che la lettura su il vostro OpenSuse sia migliorata e che finalmente OpenSuse ritorni nell’essere più curata sul lato desktop!

Ciaoooooooooooooooooooooooooooooooo

Precedente OpenSuse e il sistema OCS-install Successivo Nvidia e problemi