Asbru-cm

 

 

Prologo

 

 

Asbru-cm è straordinario, permette il collegamento con RDP, SVC, SSH, FTP, SFTP, IBM 3270 Telnet, WebDAV e molte altre in modo ordinato.

https://www.asbru-cm.net/

Veramente è la modernizzazione di questo progetto, il Pac-Manager :

https://sourceforge.net/projects/pacmanager/

 

 

Scritto in Perl e GTK3 è velocemente modificabile dal programmatore più esigente. Occupa pochissima memoria.

 

Funzioni:

​​ Macro remote e locali

​​ Invio remoto di comandi

​​ Connessioni di cluster

​​ Supporto per script

​​ Connessione seriale / TTY tramite connessione cu / tip / remoto-TTY

​​ Pre / post connessioni esecuzioni locali

​​ Schede o finestre per le connessioni

​​ Supporto proxy

​​ Integrazione KeePass

​​ Funzionalità LAN Wake-On

​​ Possibilità di suddividere i terminali nella stessa scheda

​​ Icona del menu della barra delle applicazioni

​​ Salva i registri

​​ • Molto altro

 

Installazione

Si trova nel nostro :

https://software.opensuse.org/package/asbru-cm

 

meglio la versione 5.2.0 (funziona benissimo) in quanto la 6.0.4 necessita di alcune librerie Perl difficili da trovare, con Leap 15.2 avremmo i repositories “SUSE professional” (quelli del Server SUSE) e questi problemi non ci saranno più.

 

Consiglio di aggiungere prima il repo SUSE (cambiatelo secondo la vostra versione, qui 15.1):

 

https://download.opensuse.org/repositories/devel:/languages:/perl/openSUSE_Leap_15.1/

 

Richiede (già si installa da solo):

perl-YAML, uuid-perl (perl-OSSP-uuid), perl-Gtk2-GladeXML, perl-Crypt-CBC, perl-Socket6, perl-Net-ARP, perl-Crypt-Blowfish, perl-Net-SSH-Expect (perl-Net-SSH), perl-IO-Stty, vte (perl-Gnome2-Vte)

Dato che si appoggia su dei programmi per fare tutto è importante avere: Tigervnc, Rdesktop Putty, Mremote. Consiglio aggiungere in più freerdp e remmina.

 

Per funzioni speciali vedere il sito cosa scaricare.

 

 

Form

 

Logico che vi spiegherò il grosso perché al dettaglio è un progetto enorme.

Il tutto è ben organizzato;

 

 

sulla sinistra troviamo l’elenco dei server che voliamo collegarci con un icona che avvisa che tipo di collegamento vogliamo avere.

Sopra questo elenco troviamo i bottoni per modificare questa lista.

Sotto questa lista troviamo i bottoni per :

1) (simbolo “lente ingrandimento”) Ricercare il nome o IP o descrizione del server, utile quando si hanno parecchi server

2) (simbolo connettore o scritta “Connect”) Connettersi al server selezionato

3) (simbolo fulmine) Connettersi al volo

4) (simbolo stella) togliere o aggiungere sui “Preferiti”

5) (simbolo monitors o la scritta “Cluster) Avvio Cluster, ovvero un insieme di terminali raggruppati.

6) (simbolo papiro o scritta “Scripts”) Avvio script, ovvero si possono fare degli appositi script (dal vostro PC verso il server) per agevolare i lavori ripetitivi che si eseguono sui server, con un vero linguaggio di supporto basato su Perl.

7) (simbolo barrette o nome “PCC”) PCC, ovvero comandare lo spegnimento o riavvio dei server tramite remoto.

 

Nella parte centrale è gestito in tab, quindi si avrà una tab riassuntiva del server selezionato ma non avviato e anche le varie sessioni (RDP, VNC, SSH, ecc..) che avete scelto.

 

La tab riassuntiva comprende anche un immagine screenshot e statistiche.

 

Sotto abbiamo una serie di bottoni per

1) Far apparire/sparire l’elenco dei server

2) Il PAC ovvero inviare comandi remoti

3) Shell locale

4) Le preferenze

5) Salvare le impostazioni / modifiche

6) Info

7) Uscita

 

Insomma ben organizzato ma non finisce qui abbiamo anche una comoda Tray Icon!!!

 

Pure integrato con KeePass, ovvero un gestore delle password.

 

Possiede diversi menu da mouse

 

 

Completamente personalizzabile da impostazioni

 

 

Varie

La configurazione (attenzione “nomeutente” è la vostra utenza) la trovate in:

/home/nomeutente/.config/pac

 

il file dei dati si chiama pac.yml

Questo in ricordo che deriva da pac-man.

 

Problemi

 

Ultimamente lo sviluppo è fermo non da molto, ma il progetto non è abbandonato.

 

Per funzionare correttamente dovete installare anche gli appositi programmi di connessione:

Putty (per SSH), Mremote (per RDS/VNC), ecc.. che ovviamente devono funzionare benissimo anche da soli. Infatti serve come gestore di quei programmi.

 

Quindi curate le impostazioni anche dei programmi richiamati, però in SSH però si può gestire separatamente dalle impostazioni la grandezza dei caratteri e altro.

 

È scritto totalmente in Perl, ma in OpenSUSE non è un problema.

 

Per programmare gli script di controllo remoto ovviamente richiede una discreta conoscenza del linguaggio Perl, ma oramai, come ripeto, un amministratore deve essere anche programmatore. Comunque esistono diversi esempi molto semplici.

 

È in GTK3 e quindi le interfacce sono gestibili con Glade se volete fare delle modifiche grafiche del codice o abbellimenti.

 

Non esiste un campo del Dominio ma solo utente della rete, quindi se la vostra utenza è legata ad un dominio dovete mettere nel campo User:

nomedominio\\utente

Dove nomedominio è il nome del dominio e utente è il User che usate.

Attenzione non una semplice \ ma ben due \\ , separano nomedominio ed utente, esempio:

retepipponet\\carletto23

 

Non è ben chiaro quando fallisce la connessione, si legge in basso “non connesso”.

 

Solo in inglese, del resto la internalizzazione è un problema in Perl e lo appesantirebbe senza un reale vantaggio.

 

Usa un Database file descriptor, insomma memorizza il tutto in un file strutturato, quindi importazioni/esportazioni da altri programmi sono un dramma, anche se esiste una esportazione/importazione in standard ​​ YAML (.yml). Quindi per convertire da CVS da un altro programma conviene usare un tools in linea come https://www.site24x7.com/tools/csv-to-yaml.html e poi correggere i nomi dei campi, insomma un lavoraccio.

 

Sono state proposte diverse modifiche, anche con codice presentato, ma non si sa quando verranno fuori.

 

​​ 

 

 

Ciaoooooooooooooooooooooooo

Precedente Plymouth in OpenSUSE Successivo Stampare sotto Linux da terminale